Dalla testimonianza al protagonismo

Dalla testimonianza al protagonismo

Dalla testimonianza al protagonismo

Le madri dei migranti dispersi nel Mediterraneo promotrici di diritti e di attività generatrici di reddito in Mali (West Africa)

Pasqua Solidale 1

Descrizione del progetto

La migrazione africana verso l’Europa è caratterizzata quasi esclusivamente da politiche restrittive dei Paesi di destinazione e da scarsi canali di entrata sicuri che portano spesso a parlare di migrazione irregolare e di traversate via terra e via mare in cui non tutte le persone arrivano a destinazione. 

Solo nel 2022, secondo l’OIM, le persone scomparse nel Mediterraneo risultavano 1.568. Quella tra nord Africa e l’Europa è l’unica tratta al mondo dove in un anno il numero dei dispersi supera quella dei morti accertati.  

Da gennaio 2014 al marzo 2023 sono morte o risultano disperse nel Mediterraneo oltre 26.257 persone. La sorte di queste persone non ha conseguenze solo a livello individuale.

Pasqua Solidale 2

Di frequente, la persona scomparsa è il capofamiglia o il futuro capofamiglia che garantiva il sostentamento dell’economia familiare. Proprio per questo sono spesso le donne, rimaste senza marito, a doversi assumere l’incarico di garantire un futuro alla propria famiglia, nonostante lo stigma sociale e i traumi interiori: non c’è un corpo su cui piangere e l’elaborazione del lutto non può avvenire.

La prima necessità di queste famiglie è, quindi, quella di esercitare il proprio diritto alla verità su quanto accaduto e alla giustizia per i loro cari per uscire da questa condizione. Il progetto si concentra su queste famiglie e, in particolare, sul ruolo che la donna ha all’interno di questi nuclei cercando di fornire risposte concrete alla scomparsa di persone care.

Il progetto si articolerà nelle seguenti azioni ed attività:

Azione 1: Realizzazione di attività generatrici di reddito

Avviamento di 2 gruppi di donne situati in 2 quartieri diversi. Verrà organizzato un corso di formazione professionale incentrato sulla trasformazione e sulla commercializzazione di prodotti agroalimentari, destinato ai 2 gruppi dei quartieri periferici e popolari di Missabougou (gruppo di 20 donne) e Faladie (gruppo di 22 donne), siti nei comuni V e VI del Distretto di Bamako (capitale del Mali).

Azione 2: Attività di sensibilizzazione 

Organizzazione di incontri di sensibilizzazione (sulle politiche migratorie e sulla presenza di reti di famiglie già attive in altri Paesi) e di empowerment destinati alle famiglie target e realizzazione di incontri di sensibilizzazione destinati alla popolazione dei quartieri coinvolti. 

Coinvolgimento attivo delle famiglie target nelle “CommemorAzioni” – eventi pubblici di ricordo e denuncia per onorare le persone disperse e chiedere verità e giustizia sulle loro sorti – decentralizzate (realizzate a livello locale ogni anno) e transcontinentali (realizzate in un Paese africano ogni due anni) alle quali parteciperanno anche le famiglie di altri Paesi africani (come l’Algeria, la Tunisia, il Marocco, ecc.) nonché numerosi attivisti provenienti da Europa e Africa. 

Azione 3: Realizzazione di video-interviste e galleria fotografica

Coinvolgimento delle famiglie target nella realizzazione di 10 video-interviste da pubblicare sulla pagina web “Missing at the Borders” (https://missingattheborders.org/) che ha l’obiettivo di dare visibilità e voce alle famiglie dei migranti dispersi. Le video-interviste verranno poi tradotte in 5 lingue (arabo, italiano, francese, inglese, spagnolo). Le famiglie verranno coinvolte anche nella raccolta di dati e fotografie delle persone disperse per la costruzione di gallerie fotografiche da pubblicare sul medesimo sito. 

Il progetto sarà realizzato anche in Senegal, in un villaggio Lébou (villaggio di pescatori) a Thiaroye Sur-Mer, nel dipartimento di Pikine. Verrà coinvolto un gruppo di 10 donne che, nello specifico, produrrà confetture, succhi, sciroppi e conserve e parteciperà a tutte le altre azioni previste dal progetto. 

In Senegal, i partners che implementeranno il progetto sono: l’Association Énergie pour les droits de l’homme du Senegal, l’Association Boza Fii e l’AJRAP (Association des jeunes rapatriés).

Beneficiari

Diretti: 42 donne maliane di età compresa tra i 20 e i 50 anni (mogli o madri di migranti dispersi) e le loro famiglie, per un totale di circa 250 persone, considerando che ogni nucleo familiare è composto da almeno 5/6 persone.

Indiretti: gli abitanti dei quartieri di residenza delle famiglie beneficiarie, almeno 4000 persone.

Partner di progetto:Arci Todo Cambia APS, GRAM (Groupe de Recherche et d’Actions sur les Migrations), ADEM (Association pour la Défense des Emigrés Maliens) 

Durata del progetto:12 mesi  

valdesi

Progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese